Non avrei mai pensato di scrivere un articolo sull’argomento, fino a quando siamo stati direttamente coinvolti in una situazione molto sgradevole, che spero vivamente non ti capiti…

Un bel giorno di primavera squilla il telefono. Sono Monica e Salvatore (uso sempre nomi fittizi per questione di privacy), due futuri sposi che ci avevano scelto come colona sonora per il loro matrimonio.

Ci chiamano per darci una spiacevole notizia: la Location nella quale si sarebbe svolto il loro ricevimento, aveva cercato in tutti i modi di “farci fuori” imponendo ai futuri sposi un loro intrattenimento musicale.

Monica e Salvatore però, avevano insistito nel volere noi, perché ci avevano visto, conosciuto ed erano convinti che fossimo noi la miglior scelta che si adattava al loro matrimonio, quindi non capivano perché fossero obbligati ad accettare gli artisti imposti dal gestore del locale.

Insomma, non si erano dati per vinti e visto che a pagare erano loro, la location non poteva certo obbligarli.

Fu così che decidemmo di andare a fare visita alla location.

Non certo per nostra necessità (spieghiamo molto bene il nostro punto di vista nell’articolo sui sopralluoghi), ma perché la situazione era particolare e volevamo tranquillizzare gli sposi, che erano giustamente un po’ scocciati.

Arrivammo alla location, dove il gestore cercò in tutti i modi – e invano – di sminuirci o di trovare i nostri punti deboli, visitando il nostro sito, guardando i nostri video, chiedendoci dettagli sulla nostra apparecchiatura e in generale con una serie infinita di domande.

Ma per chi ci avevano presi?!

Potremmo anche giustificare un po’ di premura da parte della location, in fondo il mercato matrimoniale è pieno di musicisti improvvisati, con l’unica fortuna di essere carini o sufficientemente bravi a vendersi…

Ma quella sera subimmo un vero e proprio interrogatorio, dal quale uscimmo a testa alta, tanto che gli sposi poterono apprezzarci ancor di più, come dissero appena usciti.

Ma giurammo di non perdere più tempo con Location del genere, perché il nostro tempo lo dedichiamo volentieri ai nostri sposi, ma non a fornitori il cui scopo è quello di metterti in difficoltà.

Ma qual è il punto su cui vorremmo farti riflettere?

Quando una Location cerca di importi il “suo” intrattenimento musicale, andando oltre un apprezzabilissimo consiglio, c’è solo UN motivo: il guadagno.

E non parlo della comodità di avere qualcuno che conosce bene lo spazio e l’organizzazione dei matrimoni in quel locale.

Parlo di questi: $$$$$$$$$$

I tuoi, peraltro.

Se un locale ti impone un duo particolare è perché ci guadagna. Punto. Non esiste altra motivazione.

Sennò ti consiglierebbe, ti metterebbe all’erta… ma non cercherebbe di convincerti.

PONIAMO che la location sia onesta e non ti faccia una bella cresta sulla musica.

PONIAMO ANCHE che i cantanti siano di buona qualità.

Sono altrettanto disponibili?

Hanno voglia / sono in grado di personalizzare la loro playlist per il tuo matrimonio?

Vedono il matrimonio allo stesso tuo modo?

Tendono alla caciara o danno un tocco di eleganza al tuo ricevimento?

Sono sensibili e in grado di capire i tuoi bisogni o sono semplicemente pronti a fare un copia-incolla del matrimonio del giorno prima?

Potrei andare avanti, ma credo tu abbia colto il punto:

come fai ad essere certo che siano adatti al matrimonio che TU vuoi e non quello che vorrebbe la Location?

È il concetto dell’esclusiva che non concepiamo.

Noi siamo i primi a NON essere in esclusiva con nessuna location. E non spingiamo per altre aziende con cui collaboriamo.

Certo, ci sono fornitori con cui lavoriamo spesso o che stimiamo particolarmente e siamo felici di pubblicizzare quando all’occorrenza.

Ma ci rendiamo conto che in qualunque settore, dalla musica al cibo, dalla fotografia alle decorazioni, ogni coppia ha i suoi gusti e le sue esigenze.

Mai e poi mai cercheremmo di convincere una coppia a scegliere dei nostri collaboratori.

Tantomeno a scegliere noi, se ci rendiamo conto che non siamo noi quello di cui ha bisogno.

Saremmo i primi a perderci se non soddisfiamo le tue aspettative: recensione sufficiente, disagio nell’essere fuori posto e nel fare cose che non ci piacciono, passaparola negativo…

E sinceramente, l’Italia è piena di sposi: perché lavorare proprio per chi non è in sintonia con te?

Spero con questo articolo di averti fatto capire una cosa importante:

Tu e il tuo partner non siete un numero ed esiste sempre qualcuno che può far diventare il tuo sogno realtà. Non permettere agli altri di toglierti questa possibilità.

Se credi che la tua grande occasione possiamo essere noi, non perdere tempo e contattaci!

Altrimenti spero tu possa trovare al più presto la miglior colonna sonora per il tuo splendido sogno!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.