Oggi ti parlerò di un servizio che per fortuna ci capita di fare poche volte, perché la maggior parte dei nostri sposi ci scelgono oltre che per la bravura (che DOVREBBE essere scontata in qualsiasi musicista) anche per la nostra eleganza.

Ecco, se anche tu vuoi un matrimonio elegante, devi assolutamente tenere in mente che il Karaoke da esattamente l’effetto contrario.

Parliamoci chiaro: non ho nulla contro il Karaoke in sé.

Io e Valentina non siamo per niente persone impettite e abbiamo fatte anche noi le nostre serate pazze 🙂

Ma ci sono serate e serate, contesti e contesti… e il matrimonio per noi NON è il migliore dei contesti per dare sfogo alla caciara che il Karaoke quasi sempre porta con sé.

 

Ecco quindi 3 buoni motivi per non fare il Karaoke durante il tuo matrimonio.

Un intrattenimento per niente neutrale

Il Karaoke o lo ami o lo odi.

Quindi il rischio che buona parte dei tuoi invitati non lo ami è molto alto.
E se a molti non piace, escluderai quelle persone dall’intrattenimento, isolandole e lasciandole aspettare impazientemente che questo momento finisca.

E si sa che purtroppo, per natura umana, le cose che più ci ricordiamo di una festa sono quelle che non ci sono piaciute…

Un inutile calo di ritmo

Quando la maggior parte delle persone non ama il karaoke (quasi sempre) la partecipazione non è totale.
Per chi non partecipa sarà uno strazio, ma anche gli stessi che partecipano, a meno che cantino sempre tutti insieme, dovranno aspettare il loro turno.
In generale il ritmo del tuo ricevimento calerà inevitabilmente.

Per questo il Karaoke è molto più adatto a serate di poche persone, o magari numerose, ma con gente che è lì principalmente per quel motivo!

Un terribile spettacolo…

Un conto è dare spazio a delle persone mediamente intonate (non per forza professionisti!), che si mettano in gioco. Un altro conto è dare la possibilità a chiunque, magari all’amico stonato, che con qualche bicchiere in più vuole a tuti i costi cantare, magari pensando di divertire gli altri…

Beh, sappi che FORSE (e non sempre) i primi 10 secondi fa anche sorridere, ma dopo quelli non c’è più nulla di divertente…

 

In conclusione…

I due consigli che ti dò sono:

– Fai il Karaoke solo se sai di avere intorno a te più persone intonate e soprattutto se sai che almeno il 90% dei tuoi ospiti lo apprezzerebbe.

– Se hai solo uno-due amici intonati, puoi sempre chiedere ai cantanti di lasciare cantare loro un pezzo, senza dover per forza creare il momento Karaoke.

 

Se avevi qualche dubbio spero di avertelo tolto, ma in caso contrario non esitare a scrivere un commento qui sotto o mandarci una mail 😉

Buona giornata!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.